11 cose da non fare nella fotografia paesaggistica.

11 cose da non fare nella fotografia paesaggistica.

11 cose da non fare nella fotografia paesaggistica.

Quante volte vi è capitato di immaginare uno scatto, premere il pulsante e rimanere delusi dal risultato? A me un sacco di volte! A forza di testare, provare, comprendere i miei errori ed informarmi, ho raggiunto la consapevolezza di riuscire a trasmettere ciò che ho in testa in uno scatto.

Vediamo quali sono gli errori più comuni nella fotografia paesaggistica, alcuni sono molto ovvi, altri meno:

1) DARE IMPORTANZA ALLA PORZIONE DI SCENA SBAGLIATA:

Spesso si tende a posizionare l’orizzonte al centro, quando basterebbe invece seguire la semplice regola dei terzi. La regola dei terzi ci aiuta a dividere lo scatto in tre parti orizzontali e tre verticali. Nella maggior parte dei casi l'orizzonte va collocato sul terzo basso o su quello alto, sta a voi decidere quale risulta di maggior interesse. Se per esempio mi trovo di fronte ad un bel primo piano, ma con un cielo completamente vuoto o scarico di nubi, di certo non andrò ad occupare due terzi di immagine con il cielo, altrimenti si rischia di avere uno scatto riempito da una zona completamente vuota. Cerchiamo sempre di comprendere quale porzione di scena suscita più interesse rispetto ad un’altra ed agiamo di conseguenza.

2) NON INSERIRE UN PRIMO PIANO:

Questa regola vale specialmente per gli scatti fatti con il grandangolo. E’ una regolina che si trova ovunque e tutti la ripetono, ma non è così scontata da applicare. E’ molto facile trovare un bel paesaggio da immortalare, ma perchè poi il risultato è piatto e di poco impatto? L’errore più comune è quello di concentrarsi solo sul paesaggio di sfondo senza prestare attenzione a valorizzarlo con un bel primo piano. Un primo piano dona tridimensionalità allo scatto e porta lo sguardo dentro l’immagine, quindi una volta trovato, curiamo l’inquadratura in base ad esso, perchè la porzione di scena retrostante in ogni caso rimarrà pressochè inalterata. Vediamo l'esempio qui sotto, semplicemente abbassandomi di mezzo metro ho dato risalto ai fiori in primo piano e lo scatto ne ha guadagnato molto.

3) ”POMPARE” ALL’ESTREMO UNO SCATTO:

All’inizio si è portati alla post produzione estrema per sopperire alla mancanza di qualità, di occhio o alla situazione di luce sbagliata: ma la distruzione del file è dietro l’angolo. Hdr estremi, filtro chiarezza al massimo ed in generale un’immagine molto “pompata” hanno un effetto catastrofico sulla qualità dei file. L’arte della post produzione è ardua quanto imparare a fotografare, quindi se si vogliono raggiungere risultati ottimali è bene informarsi, seguire tutorial o corsi. Vediamo qui sotto cosa intendiamo per fotografia troppo postprodotta e postproduzione corretta:

4) NON POST PRODURRE UN RAW:

L’altra faccia della medaglia, rispetto al pompare uno scatto all’estremo, è quella di non post produrlo affatto, magari scattando pure in Raw. La post produzione va fatta, sfatiamo questo mito, perchè il raw è la pellicola moderna e come ogni pellicola che si rispetti (parlando maggiormente del bianco e nero del passato), la post produzione fa parte del gioco. Pensate che Ansel Adams non post produceva i suoi scatti? Che Salgado otteneva già scatti del genere in camera? Siete sulla strada sbagliata. Dal passato, fino ad oggi, la post produzione è sempre stata presente, ma troppo spesso, al giorno d’oggi, fraintesa. Il file raw è di per sé piatto, quindi va sistemato e reso accettabile. Post produrre significa anche solamente regolare esposizione, contrasto e colori, ma in ogni caso con il file raw sono regolazioni indispensabili.

5) SCEGLIERE IL DIAFRAMMA O IL PUNTO DI MESSA A FUOCO SBAGLIATO:

Troppo chiuso? Troppo aperto? Spesso l’errore più comune riguarda la scelta del diaframma sbagliato, soprattutto quando si hanno soggetti in primo piano. Per avere tutta la scena a fuoco si devono utilizzare diaframmi abbastanza chiusi, i diaframi chiusi infatti fanno aumenatre la profondità di campo (la porzione di scena che risulterà a fuoco). Attenzione però, il diaframma non è mai da chiudere al massimo, altrimenti si va incontro ad una serie di problematiche come scarsa nitidezza, aberrazioni cromatiche, etc (considerate come range per avere un'ottima qualità diaframmi che vanno da f8 a f14, valori che cambiano in base all'obbiettivo che usate quindi fate dei test). L'altra cosa da considerare è dove prendere il punto di messa a fuoco, se il primo piano è molto vicino non possiamo prendere il fuoco sullo sfondo altrimenti, pur utilizzando diaframmi chiusi, il primo piano risulterà comunque leggermente fuori fuoco. Per capire dove prendere il punto di messa a fuoco potete avvalervi della regola dell'iperfocale, che andremo ad appronfore in un altro articolo, oppure di utilizzare la tecnica del focus stacking. Per aver scatti completamente a fuoco quindi prestiamo attenzione all’apertura del diaframma, alla distanza del primo piano dalla lente e al punto di messa a fuoco.

6) UTILIZZARE FILTRI DI SCARSA QUALITA’:

Inizialmente scoprire l’utilizzo dei filtri (Polarizzatore, ND o GND) è un grande passo in avanti verso lo scatto di qualità, introducendo effetti che fino ad ora non avevate mai immaginato possibili sulla vostra fotocamera, ma solo ammirato in altre fotografie. Ovviamente all’inizio non si spende una grossa cifra e si cerca di capire quali filtri fanno al caso nostro, ma una volta assodato il concetto e capito quale filtro fa più per noi, ha senso investire sulla qualità. Ricordate che se usiamo dei filtri con un vetro scadente, o peggio ancora in resina, il nostro scatto, anche se realizzato con la lente più nitida al mondo, perderà di qualità. Basta infatti che un solo anello della catena sia poco qualitativo per abbassare la qualità di tutti. Inoltre con filtri di scarsa qualità incorriamo non solo in problemi di nitidezza ma anche di riflessi e dominanti cromatiche. Noi utilizziamo i filtri NiSi, scopri qui la nostra prova su campo.

7) NON ATTENDERE LA LUCE MIGLIORE:

La tecnica nella fotografia di paesaggio è semplice da imparare, macchinosa per via delle numerose nozioni, ma sostanzialmente un lavoro abbastanza facile. La pazienza invece non è un’arte nota a tutti, ma in campo paesaggistico gioca un ruolo fondamentale. Attendere il momento di luce ideale, una volta trovata l’inquadratura, fa parte del gioco e fa sempre la differenza tra uno scatto mediocre ed uno ben fatto. Qui sotto potrete vedere uno scatto effettuato a pochi minuti di distanza, la resa è completamente differente:

8) OCCHIO ALL’ORIZZONTE:

Mannaggia all’orizzonte storto, non vi è nulla da aggiungere. Sfruttate la bolla interna alla fotocamera, oppure le linee guida nel mirino o live view e, in estremo, il ritaglio in post produzione. La precisione delle linee in paesaggistica gioca la sua parte, quindi teniamo d’occhio l’inclinazione della nostra fotocamera.

9) NON OSSERVARE:

Un altro errore comune è quello di arrivare in location, appoggiare il proprio cavalletto, montare la fotocamera e scattare: niente di più sbagliato! Uno dei lavori principali del fotografo è quello di osservare. Prendetevi un attimo con la vostra camera a mano libera, vagate per la location, inquadrate senza scattare, valutate qual’è l’inquadratura migliore e una volta trovata, posizionate il cavalletto ed iniziate a scattare attendendo la luce adatta.

10) NON TESTARE PIU’ FOCALI:

Mai fissarsi su di una focale, per esempio il grandangolo. Una location offre spunti sia per grandangolo che teleobiettivo, quindi provare a scattare con entrambe le focali è una buona idea. Riuscire a farsi l’occhio dipende anche da questo, perchè è solamente tramite l’abitudine di guardare attraverso una lente che si impara a vedere come una fotocamera e a comprendere poi ad occhio nudo se la scena è adatta a tele o grandangolo.

11) NON PRENDERSI IL PROPRIO TEMPO:

Mannaggia a questi fotografi, sempre a fermarsi ore e ore nello stesso punto e a far perdere tempo ai propri amici! Ahimè per ottenere la giusta tranquillità e feeling con il proprio mezzo ed il paesaggio che si ha di fronte, bisogna prendersi il proprio tempo. Qualche uscita solitaria o con altre persone accomunate dalla stessa passione è fondamentale per ottenere buoni risultati e migliorare la propria tecnica.

Spero che questo articolo sulle 11 cose da non fare nella fotografia paesaggistica ti sia stato utile, fammi sapere nei commenti qui sotto cosa ne pensi o se avresti aggiunto altri punti.

Categoria: Tecnica fotografica

Articoli simili

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli.
Cavalletto, guida all'acquisto

Arriva sempre il giorno in cui il cavalletto diventa una necessità e spesso quel giorno ci coglie impreparati a causa della vasta offerta; imparare a districarsi tra stativi, materiali, teste, stabilità, etc, non è cosa facile ed una guida può aiutarvi ad un acquisto più consapevole.

Leggi articolo
Filtri ND, guida all'acquisto.

L'acquisto dei filtri ND spesso ci può mandare in confusione, per via delle numerose sigle, calcoli matematici, differenza di marche, etc. Ma siamo sicuri che sia così complicato? In questa guida capiremo che cos'è un filtro ND e quali acquistare, ma soprattutto scopriremo che il tutto è molto più semplice di quel che sembra.

Leggi articolo
16

Persone
nel team

75

Viaggi
realizzati

100%

Viaggi confermati
dal 2014

782

nuovi compagni
di viaggio

Viaggi Fotografici.biz

ViaggiFotografici.biz è un progetto nato dall'immensa passione per i viaggi, per la natura e per l'avventura messa a vostra completa disposizione per farvi vivere esperienze indimenticabili nel mondo.

Viaggifotografici.biz è un prodotto del tour operator "Il Viaggio che ti Manca" specializzato nell'organizzazione di viaggi di gruppo accompagnati.

I nostri contatti

Viaggifotografici.biz è un prodotto dell'agenzia viaggi "Il viaggio che ti manca"
Ufficio gruppi: Vicolo Nulli 8, Iseo (BS)
Sede legale: Via Mirolte 8, Iseo (BS)
Telefono: 030 0970493
Mobile: +39 388 0516582
Mail: info@viaggifotografici.biz

Resta aggiornato sui nostri viaggi fotografici e workshop