Filtri ND, guida all'acquisto.

Filtri ND, guida all'acquisto.

Filtri ND, guida all'acquisto.

L'acquisto dei filtri ND spesso ci può mandare in confusione, per via delle numerose sigle, calcoli matematici, differenza di marche, etc. Ma siamo sicuri che sia così complicato? In questa guida capiremo che cos'è un filtro ND e quali acquistare, ma sopr

Arriva sempre quel momento fatidico in cui scatta la "febbre da filtri ND", a me è capitato oramai anni fa e da allora ne sono diventato dipendente!

Ricordo ancora alla perfezione quando mi sono chiesto “che cavolo sono questi filtri ND?” ed ho iniziato ad informarmi sui forum e a leggere recensioni fino ad arrivare al momento cruciale dell’acquisto. Non vi dico lo stupore nel mio sguardo non appena ho visto i risultati e da allora non posso farne più a meno. Chi ha partecipato a qualche viaggio con me può confermarlo, solo l’uomo dalle esposizioni “setose”.

Ma veniamo al dunque: che cosa spinge un fotografo ad avventurarsi nel mondo dei filtri ND? Guardate la galleria di immagini qui sotto, se gli scatti vi faranno innamorare allora proseguite con l'articolo perchè i filtri ND fanno al caso vostro:

L'effetto dato dai filtri ND è una questione di feeling, di amore a prima vista, non tutti amano questo effetto e non è una regola fissa per una migliore qualità.
Di filtri ND in commercio ce ne sono parecchi, di tante marche e con tante sigle che a volte possono far impallidire, me compreso quando mi sono trovato di fronte alla scelta d’acquisto.
In questa breve guida voglio rendervi la spesa semplice e consapevole, per evitare di buttar via soldi e fare chiarezza sulle varie tipologie di filtri esistenti.

Filtri ND a lastra e a vite

CHE COSA E’ UN FILTRO ND?

La prima domanda che uno si pone è “cos'è un filtro ND?” e la risposta, così come il concetto stesso di filtro ND, è davvero semplice: è un filtro “scuro”.
Perdonate la semplicità della risposta, ma la sostanza è questa: si tratta di un filtro scuro che, posizionato davanti alla lente, ci costringerà ad allungare i tempi di scatto e di conseguenza tutto ciò che è in movimento risulterà setoso e dinamico.

Per capire di cosa sto parlando, bisogna partire dalle basi, ovvero dalla siglia ND: Neutral Density, in italiano Densità Neutra.
Analizziamo per bene i due termini, non è difficile:

  • Densità: come già detto è un filtro dal vetro scuro, che riduce la luce in entrata e di conseguenza per una corretta esposizione saremo costretti ad allungare il tempo di esposizione. Ovviamente l’intento dei filtri ND è quello di permettere l’allungamento dei tempi in situazioni di luce per le quali sarebbe impossibile allungarli senza alcun filtro.
  • Neutra: neutra perchè non hanno dominanti di colore e tecnicamente l’immagine viene riprodotta solamente con tempi allungati e nulla di più. In teoria è così, ma nella pratica i filtri di scarsa qualità, purtroppo, avranno dominanti di colore  (ricordo ancora il mio primo ND dalla dominante super rossa, spettacolare per i tramonti, ma scomodissimo per tutte le altre situazioni).

QUALI TIPOLOGIE DI FILTRI ND ACQUISTARE:

Bene, ora che abbiamo capito che cosa vuol dire filtro ND e che cosa fa, passiamo allo step successivo, ovvero quali tipologie di filtri ND acquistare in commercio.
Esistono due sistemi principali di filtri (questo vale per tutti i filtri, non solo gli ND), ovvero a vite e a lastra.
Prima di tutto è bene dire che entrambi i sistemi portano al medesimo risultato, quindi uno non è meglio dell’altro, hanno solamente vantaggi differenti:

FILTRI ND A VITE:

Li avrete già visti, sono i più familiari. Sono identici a quei filtri che vi vendono quando andate a comprare la fotocamera o un obiettivo, quelli trasparente per intenderci. Bene, gli ND a vite sono la stessa identica cosa, solo più scuri, a volte del tutto neri.
Ne esistono di vari diametri ed è bene scegliere il più adatto a voi. Mi raccomando però, non bisogna commettere il classico errore di acquistare un filtro per ogni lente, altrimenti si buttano via soldi per nulla. Piuttosto è bene acquistare il filtro con il diametro più grande che avete per poi adattarlo con degli anelli riduttori che rendono possibile il posizionamento su ottiche con diametri più piccoli.
Ok, ok, si è attorcigliato il cervello? Faccio un esempio pratico:
Ho tre lenti: un 16-35mm, un 70-200mm, un 35mm.  Le tre ottiche hanno rispettivamente il diametro di 82mm, 77mm e 67mm. Andrò quindi a comprare un ND da 82mm e poi due anelli riduttori, da 82 a 77mm e da 82 a 67mm risparmiando un bel pò di denaro!

FILTRI ND A LASTRA:

Forse un pò meno immediati, ma se ne vedono sempre di più in giro, sicuramente li avrete già visti in mano a qualche “fotografone” ultra tecnico e avrete pensato “che diavoleria è quella?”.
In realtà è un sistema semplicissimo e contrariamente a quello che si pensa, ancora più compatibile ed universale; i filtri ND non sono più rotondi, ma quadrati, quindi non si possono più avvitare, ma vanno inseriti in un apposito supporto che si chiama Holder.
L’Holder è il pezzo principale, ed è quello dove andremo ad infilare i vari filtri. Ovviamente anche le lastre hanno la loro larghezza, che va dai 100mm ai 180mm a seconda degli obiettivi sui quali andranno utilizzate.
Il sistema più comune è quello da 100mm e lo si può montare su praticamente quasi tutti gli obiettivi che vanno dagli 82mm in giù.

QUALITÁ DEI FILTRI ND:

Esistono molti produttori di filtri ND, come NiSi, Haida, Lee, Gobe, etc ed un consiglio personale che posso dare è quello di non risparmiare troppo, perchè una scarsa qualità significa perdita di dettaglio. Infatti potete avere l'ottica più qualitativa al mondo, ma se mettete davanti un filtro di scarsa qualità anche l'ottica perderà parecchio dettaglio (ricordo ancora le mie perplessità sulla nitidezza del mio 70-200, risolte totalmente non appena ho acquistato un filtro di qualità). Se potete evitate i filtri in resina e restate sul vetro ottico, il migliore e con la minor perdita di dettaglio.
Ho lavorato con diverse marche di filtri ed i più qualitativi, a mio parere, sono i filtri NiSi (qui puoi leggere la mia esperienza con i filtri NiSi) per via della purezza del vetro ottico e comodissimi trattamenti come quello antiriflesso e idrofobico. Dei filtri a vite meglio preferire la versione Slim a quella normale perchè così riducete la possibilità dell'effetto vignettatura se utilizzate più di un filtro alla volta su di un grandangolo estremo.

Ovviamente risulta scontato e banale dire che i filtri ND sono adatti a tutte le fotocamere, come Canon, Nikon, Sony, etc.

INTENSITÁ DEI FILTRI ND:

In ultimo, il punto più importante, riguarda l’intensità di un filtro ND; ebbene sì, perchè vi è una vasta possibilità di scelta, dal più scurente al più leggero.
Solitamente vediamo la scritta ND1000, ND64, etc, ma tranquilli, non vi farò calcoli esagerati, altrimenti mi chiudete l’articolo in faccia; vi basta sapere che assieme a queste sigle sono indicati gli stop di luce che andranno a togliere, per esempio l’ND1000, il quale toglie 10 stop. Risulta immediato comprendere che un ND64 da 6 stop è più “leggero” di un ND1000 da 10 stop.
Nella realtà come si traducono questi numeri? Beh, ovviamente all’alba non andrò a scattare con un ND1000 altrimenti faccio in tempo ad andare a fare colazione e tornare, questo perchè la luce è fioca, non potente come in pieno giorno ed avrò dunque bisogno di un ND più leggero per ottenere tempi “umani”.
Al contrario, se si spera di ottenere un tempo di 30 secondi in piena luce con un ND8 da 3 stop, beh, si sta sbagliando in pieno, perchè avrò necessità di un ND più “marcato” come un ND1000 per esempio.

Penso in ogni caso che alcuni esempi, direttamente dalla mia esperienza personale, possano tornare utili a comprendere e riconoscere le situazioni nelle quali vi imbattete maggiormente e scegliere di conseguenza i filtri più adatti (il tipo di filtro è indicato nella firma).
Indicativamente, nella maggior parte delle situazioni si utilizzerà:
ND8: situazioni di luce scarsa, pre-alba, post-tramonto.
ND64: situazioni di luce intermedia, tramonto, alba, nuvoloso.
ND1000: situazioni di luce forte, in pieno giorno.

RIEPILOGO E CONSIGLI FINALI SUI FILTRI ND:

La prima cosa da decidere è se optare per il sistema a lastre o a vite.
Io utilizzo principalmente il sistema a lastre perchè mi permette di utilizzare anche i filtri GND (filtri graduati che mi permettono di scurire il cielo per bilanciare l'esposizione) cosa che mi sarebbe impossibile fare con i filtri a vite. Altro fattore da tenere in considerazione nella decisione sono gli ingombri delle due soluzioni: le lastre sono molto più voluminose dei filtri a vite. Infatti, nei viaggi dove devo limitare all'osso il peso e l'ingombro dell'attrezzatura mi porto i filtri a vite.

Il secondo step è: quale intensità?
Senza troppi giri di parole, il trio perfetto è ND8, ND64, ND1000 perchè copre tutte le varie tipologie di luminosità della giornata e di utilizzo. Se state iniziando, prima di prenderli tutti e tre iniziate con l'ND64.
Poi solo con l’esperienza su campo potrete affinare il vostro feeling con questa tipologia di filtri, testando anche dei “mostri estremi” come ND da 15 o 20 stop che si traducono in 30 minuti, o anchè più, di esposizione in pieno giorno.

Infine, non resta che decidere quale marca. Non vorrei sembrare una televendita ambulante, ma dopo aver provato e testato svariate marche (Haida, NiSi, Gobe, Lee, B+W, etc.) sono giunto alla conclusione che i NiSi al momento sono imbattibili. Sono imbattibili soprattutto da quando hanno messo in vendita i kit di filtri ND a vite e a lastra che hanno reso il prezzo decisamente più accessibile. A dire la verità non avrei nemmeno accettato la collaborazione se così non fosse stato e decine di recensioni online confermano la mia tesi. Ecco comunque il mio consiglio, le due soluzioni più valide sul mercato che ho avuto modo di testare per bene negli anni:

  • NiSi: qualità ai massimi livelli. Abbiamo la fortuna di averli tra i nostri partner e non siamo riusciti a trovare difetti. Nessuna perdita di dettaglio, dominanti cromatiche e vignettatura praticamente assenti e grazie ai trattamenti di ultima generazione l'acqua scivola via che è un piacere (cosa che ho apprezzato moltissimo essendo un amante delle foto alle cascate e attiro particolarmente la pioggia!). Grazie alla nostra collaborazione con NiSi potrai acquistare tutti i prodotti con uno sconto del 10% su ordini superiori ai 250 euro e del 5% per ordini inferiori. Chiedici pure consigli se hai intenzione di acquistare i prodotti NiSi. Scopri come ottenere lo sconto NiSi. Ecco alcuni esempi di kit che vendono, mentre potrete trovare tutti i prodotti sul sito ufficiale NiSi Italia:
  • Haida: ho avuto modo di testarli per anni come filtri da battaglia e posso dire che la qualità è ottima. Attualmente non c'è molta differenza di prezzo con i NiSi quindi secondo noi non vale più la pena. Se prendiamo come esempio il kit di filtri ND a vite da 77mm formato da ND8+ND64+ND1000, al momento della stesura di questo articolo, gli Haida su Amazon costano 144,90 € mentre i NiSi sul loro store ufficiale 159,00 €. Per 15 € conviene stare sui NiSi. Ad ogni modo i filtri Haida li potete acquistare su Amazon ai seguenti link:

Qui sotto potete vedere un confronto tra i filtri NiSi e quelli Lee. Negli scatti, realizzati dall'amico Francesco Gola, potete vedere:

  • Immagine a Sinistra: Scatto neutro senza filtri
  • Immagine al Centro: NiSi GND 3 stop + NiSi ND 10 stop + NiSi Circular Polarizer
  • Immagine a Destra: Lee GND 3 Stop + Lee Big Stopper (10 stop) + Heliopan 105mm Polarizer

Lasciamo giudicare a voi i risultati.

In conclusione, spero che questo articolo vi sia stato utile e che la mia esperienza di quasi 10 anni di utilizzo di filtri ND possa essere servita per descrivere al meglio ed in maniera semplice ciò che si andrà ad acquistare.

Se volete fare pratica con l'utilizzo dei filtri ND date un'occhiata al nostro workshop per l'utilizzo dei filtri ND alle cascate del Dardagna. Durante il workshop avrete anche la possibilità di provare i filtri e gli holder messi a disposizione dal nostro staff.

Un saluto e buone esposizioni "setose" a tutti! 

Categoria: Tecnica fotografica

Articoli simili

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli.
11 cose da non fare nella fotografia paesaggistica.

Quante volte vi è capitato di immaginare uno scatto, premere il pulsante e rimanere delusi dal risultato? A me un sacco di volte! A forza di testare, provare, comprendere i miei errori ed informarmi, ho raggiunto la consapevolezza di riuscire a trasmettere ciò che ho in testa in uno scatto. Vediamo quali sono gli errori più comuni nella fotografia paesaggistica, alcuni sono molto ovvi, altri meno.

Leggi articolo
16

Persone
nel team

73

Viaggi
realizzati

100%

Viaggi confermati
dal 2014

758

nuovi compagni
di viaggio

Viaggi Fotografici.biz

ViaggiFotografici.biz è un progetto nato dall'immensa passione per i viaggi, per la natura e per l'avventura messa a vostra completa disposizione per farvi vivere esperienze indimenticabili nel mondo.

Viaggifotografici.biz è un prodotto del tour operator "Il Viaggio che ti Manca" specializzato nell'organizzazione di viaggi di gruppo accompagnati.

I nostri contatti

Viaggifotografici.biz è un prodotto dell'agenzia viaggi "Il viaggio che ti manca"
Ufficio gruppi: Vicolo Nulli 8, Iseo (BS)
Sede legale: Via Mirolte 8, Iseo (BS)
Telefono: 030 0970493
Mobile: +39 388 0516582
Mail: info@viaggifotografici.biz

Resta aggiornato sui nostri viaggi fotografici e workshop